Chi siamo

Alce Nero è una cooperativa sociale che nasce nel 1981 da giovani di differente estrazione culturale che si occupa di servizi socio-educativi, inserimenti lavorativi, accoglienza dei richiedenti protezione internazionale e servizi di mobilità europea dedicata ai giovani.

Alce Nero (1863-1950) è il nome di un capo tribù della famiglia Lakota-Sioux che si è convertito al cristianesimo. Anche dopo la conversione, continuò a svolgere il ruolo di guida spirituale e sciamanica per il suo popolo, senza contraddizione tra le due fedi e riuscendo ad integrare, di fatto, due diversità culturali.

Alce Nero ha consolidato collaborazioni con enti, associazioni e privati, permettendo in questo modo una visibilità sul territorio e contribuendo alla crescita della reputazione, bene intangibile, ma assolutamente indispensabile nel mondo del terzo settore.

Attualmente i soci della Cooperativa sono 183, caratterizzati sempre più da una molteplicità di culture che obbliga il corpo sociale ad una forte dialettica multiculturale.

sede-alce-nero
area-socio-educativa-alce-nero

Area socio educativa

Le attività dell’Area socio educativa sono rivolte a più di 5000 bambini, ragazzi e giovani e alle loro famiglie, grazie al lavoro di circa 150 operatori, in particolare animatori ed educatori professionali, pedagogisti, psicologi e assistenti sociali.

Alce Nero gestisce Centri di Aggregazione Giovanile, Centri Ricreativi Estivi Diurni, servizi scolastici ad personam e doposcuola, assistenza domiciliare educativa e progetti di sostegno a ragazzi con problematiche di dispersione scolastica o devianza. È attivo presso la sede anche un Centro per l’età evolutiva (SPAZIO CRESCERE) specializzato in Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) attivo per la diagnosi e per la riabilitazione.

Area inserimenti lavorativi

L’Area inserimenti lavorativi sviluppa opportunità lavorative per persone con fragilità. Grazie anche alla collaborazione con enti del territorio che si occupano di disabilità, promuoviamo l’inserimento lavorativo di persone con difficoltà fisiche, mentali e sociali presso le nostre strutture.

Questi progetti permettono di sperimentare forme di lavoro per persone che non riescono ad essere inserite in un normale contesto lavorativo. Durante il percorso, i ragazzi sono seguiti dal RIL (Responsabile degli Inserimenti Lavorativi), una figura specifica che si occupa insieme al responsabile del personale di tutte le fasi del lavoro: dal colloquio, all’incarico delle mansioni fino alla formazione e tutoraggio. Attualmente i progetti di inserimento lavorativo si svolgono presso Cascina La Goliarda, Drako Bar e nell’area dei Trasporti.

inserimenti-lavorativi-alce-nero

Area trasporti

Il servizio trasporti si occupa di gestione della mobilità delle persone, operando in sinergia con enti, pubbliche amministrazioni, cooperative ed aziende presenti sul territorio nazionale.

Il servizio ha raggiunto negli anni ottimi standard qualitativi, garantendo ad una sempre più variegata clientela servizi di elevata professionalità differenziati per tipologie di servizio ed esigenze.
In particolare ci occupiamo di trasporto disabili per i vari centri educativi; trasporto scolastico, noleggio con conducente e servizi di gran turismo.

Area SVE

L’Area SVE (Servizio Volontario Europeo) promuove l’integrazione sociale e culturale di giovani di altri Paesi dai 18 ai 30 anni. Alce Nero da oltre 15 anni si occupa di Mobilità Internazionale, in collaborazione con l’Agenzia Giovani di Roma, all’interno del programma Erasmus+.

In questi anni la cooperativa ha accolto circa 150 volontari europei ed inviato circa 70 ragazzi di Mantova per svolgere un periodo di volontariato all’estero, che hanno l’opportunità di vivere un’esperienza di apprendimento interculturale in un contesto non formale,  promuovendo la loro integrazione sociale e la partecipazione attiva.

Area SVE Alce Nero
area-accoglienza

Area migranti

Alce Nero si occupa di accoglienza migranti da alcuni anni, fornendo non solo la prima accoglienza con abiti, ospitalità e beni di prima necessità, ma iniziando anche a costruire un percorso di cura (fisica e mentale), di alfabetizzazione, di sport, volontariato, e di inserimento lavorativo.

Le attività di accoglienza sono condotte da un’equipe multidisciplinare composta da educatori professionali, mediatori linguistici e culturali, insegnanti di italiano specializzati nell’alfabetizzazione ed esperti legali. Tutte queste professionalità rendono possibile un lavoro serio ed integrato.